L’ingegno della Mendacia

Buona sera e buon martedì a tutti.

Mi scuso per non aver pubblicato questa mattina, ma purtroppo non ne ho avuto il tempo.

Come da programma, oggi nuova poesia. Questa volta si tratta di uno scritto più recente, risaltente a poco più di un anno fa, nel quale viene utilizzata la scena di un’esibizione musicale in un salone signorile per descrivere il tema del creazione artistica intima, contrapposta all’esibizionismo.

Il primo musicista, elegante e raffinato, mostra la sua maestria di fronte agli ascoltatori con compiacimento. Il valore che assume l’arte per lui è di semplice pavoneggiamento, di strumento per ottenere l’approvazione altrui.

Nella zona più oscura dell’edificio, invece, abbiamo il secondo musicista, solo, triste e abbattuto: pur sapendo di essere il vero creatore delle melodie che sente provenire dal salone, non è in grado di farsi avanti e di mostrare le sue abilità. Lui ha con l’arte un rapporto più conflittuale, sebbene più profondo, e tende per questo motivo a conservare il suo talento con timore. Perde di conseguenza la sua occasione, colta ingegnosamente dal primo, il quale utilizza senza scrupolo ciò che il secondo avrebbe voluto suonare.

Coloro che ascoltano non sono in grado di percepire questa differenza, ubriachi del desiderio di appagamento e di contentezza,e  si limitano quindi ad adorare ciò che si trovano di fronte, convinti dell’autenticità dell’esibizione.

Due differenti musiche, quindi: la prima, di celebrazione e sorda gioia, mirata a un sollazzo frivolo e superficiale; la seconda, di dolore, pesantezza e solitudine, racchiusa nel cuore impotente di chi non riesce a emergere, destinato a essere travolto dalla fiumana dell’egoismo e della bramosia di fama.

Buona serata e buona lettura.

– Mattia

Il musico dal sincero aspetto Suona note dolci e armoniose Culla le corde col mite archetto E si inchina alle genti festose Ma dallo scuro atrio della villa Giunge il suono tanto acclamato Del reale artista sconso.png

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...